Crea sito

Mi chiamo Cinzia Annarita Quarta sono laureata in Scienze Pedagogiche e l’estate scorsa ho presentato domanda di ammissione al Servizio Civile Nazionale con il progetto”Coloriamo la Vita”, per l’anno scolastico 2016/2017 da realizzare presso la Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori nella Sede di San Cesario di Lecce.

Pubblicata la graduatoria di ammissione sono stata felice di essere stata ammessa e poter così realizzare questo mio desiderio. Ho iniziato così il Servizio Civile certa di poter intraprendere una nuova esperienza sicuramente formativa considerando il contesto altamente educativo.

Sono stata accolta calorosamente fin dai primi giorni da tutte le educatrici delle varie sezioni instaurando un bellissimo rapporto.

In particolar modo mi sono sentita accolta dalla dolcezza della Madre Superiora Suor Nicla Chianura che è stata non solo un solido punto di riferimento ma anche una affettuosa presenza quotidiana e da tutte le Suore in particolare da Suor Andreina che ogni mattina al mio arrivo mi rallegrava con il suo sorriso e da Suor Primitive che con il suo calore ha favorito un’ottima collaborazione.

Il rapporto con le altre colleghe del Servizio Civile è stato da subito speciale, empatico, privilegiato e collaborativo.  Abbiamo condiviso gioie, emozioni, timori e quest’esperienza ha reso possibile la nostra conoscenza e amicizia che sicuramente continuerà anche dopo.

La mia disponibilità nel relazionarmi nel migliore dei modi possibili con i bambini mi ha permesso d’iniziare con loro un percorso educativo stimolante e creativo sostenuto da empatia, feeling, fiducia e tanto amore che ad oggi è ancora attivo, autentico ed efficace.

Ho collaborato con tutte le educatrici intervenendo ed aiutando tutti i bambini innanzitutto nella socializzazione con gli altri, nella presa di coscienza della propria identità e nel rispetto delle regole della scuola. Successivamente ho potuto collaborare nell’esecuzione delle varie attività proposte; dai semplici giochi per promuovere l’acquisizione dello schema corporeo a quelli per l’acquisizione degli schemi motori di base, alla libera espressione grafico-pittorica, alla manipolazione di vari materiali per la realizzazione di manufatti, all’ascolto, all’espressione e alla memorizzazione di filastrocche.

L’aver prestato servizio in varie sezioni frequentate da bambini di diverse fasce d’età ha reso unica e straordinaria quest’esperienza e questa flessibilità ha permesso la realizzazione in modo concreto dell’inclusione.

Spesso mi sono domandata: “perché ho voluto intraprendere il Servizio Civile e perché fare quest’esperienza”?

La risposta è stata sempre la stessa: ho voluto intraprendere il Servizio Civile per rispondere in maniera attiva ai bisogni della società odierna in modo concreto,collaborativo esprimendo così realmente il mio spirito di solidarietà nel mondo del lavoro ed in particolare a quello dei bambini apportando così il mio contributo assistendoli amorevolmente. Quest’esperienza ha promosso in me una crescita e una maturazione professionale che supera i confini del benessere. Il Dare e il ricevere ha innescato quella bellissima emozione che rende la persona felice di affrontare il lavoro ogni giorno con una carica positiva che contagia anche i bambini. E’ un’esperienza che consiglio di fare a tutti i ragazzi per sentirsi così completi sotto tutti gli aspetti.

Grazie quindi a questa serena e magica atmosfera, quest’anno come è stato ribadito alla recita di fine anno sulla favola di Peter Pan “Solo chi sogna può volare” posso dire che anch’io ho provato questa sensazione con tutti i bambini della scuola San Filippo Smaldone volando accanto a loro.

Ringrazio naturalmente l’associazione Onlus Volontariato San Filippo Smaldone per la cordiale disponibilità e in particolar modo Anastasia Caricato per aver sin da subito creato con noi un ottimo rapporto professionale.

 

Cinzia Annarita Quarta

Vi racconto la mia esperienza di Servizio Civile Volontario Smaldoniano

Grazie! Dalle volontarie di Servizio Civile dell'asilo nido Filippo Smaldone di San Cesario di Lecce

SERVIZIO CIVILE 2016/2017

“Coloriamo la vita”: è questo il nome del progetto in cui abbiamo fortemente creduto quest’anno.  Un anno ricco di emozioni e soddisfazioni, di stanchezza e qualche acciacco ma anche di sorrisi e abbracci. Una lettera non basterebbe per racchiudere i nostri pensieri ma può aiutarci a ringraziare ognuno di voi, che nel suo piccolo per noi ha fatto tanto.

A Suor Nicla, grazie per la tua disponibilità e generosità, perché sei stata una guida preziosa…  e perché ci hai dato l’opportunità  di vivere un anno meraviglioso con persone splendide.

Ad Anastasia e Stefano, grazie per il supporto datoci, per aver avuto la pazienza di spiegarci tante volte le procedure burocratiche, e per non esservi arrabbiati troppo se sbagliavamo qualcosa e dovevamo rifarla da capo.

A  Suor Andreina, Suor Primitive e la comunità tutta.. grazie perché siete state per noi di conforto e compagnia. Ci avete distratto e rallegrato con i vostri racconti e i vostri aneddoti, ognuna con una particolarità diversa ma ognuna fondamentale.

Alle educatrici, che dopo un anno sono anche amiche, grazie perché ci avete trasmesso l’amore per questo lavoro, la dedizione e la passione con cui lo fate, per le risate e le lacrime di gioia che abbiamo condiviso, per le chiacchierate, per esservi aperte con noi e per averci permesso di farlo con voi.

Ed infine, ma non per importanza, grazie a tutti voi bambini, perché ci avete permesso di riscoprirci ogni giorno, perché vi siete fidati e affidati, perché ogni giorno grazie a voi era un giorno col sorriso anche se ci eravamo alzate con la luna storta, grazie a voi ogni giorno abbiamo potuto amare, grazie per gli abbracci e i baci che ci avete regalato, ma anche perché quando vi fate male correte da noi per essere consolati…

grazie semplicemente per tutto quello che ci avete donato anche se non lo saprete mai fino in fondo.

 

Giulia, Francesca, Cinzia e Tiziana

 ESCAPE='HTML'

Maurizia ci racconta la sua esperienza di Servizio Civile Smaldoniano

 ESCAPE='HTML'

Circa un anno fa, riflettevo su cosa avrei voluto fare del mio futuro. Avevo voglia di qualcosa che mi segnasse in bene, che mi rendesse una persona migliore, che mi scavasse dentro facendo uscire le mie qualità. E un giorno, quasi come per fatalità, mi comparve davanti agli occhi il bando del Servizio Civile Nazionale. Non sapevo ancora bene di cosa si trattasse esattamente e così decisi di documentarmi su Internet.
Arrivai a una conclusione: era proprio quello che stavo cercando.  Mi informai sui vari progetti e quasi a primo impatto scelsi quello riguardante gli anziani. Non avevo ancora avuto la possibilità lavorativa di poter stare a stretto contatto con loro e quale occasione migliore di questa?
Dopo aver superato un colloquio conoscitivo il 7 novembre 2016 cominciò la mia avventura presso l'istituto Filippo Smaldone a Lecce. Non sapevo ancora cosa realmente mi aspettasse una volta lì. Provavo a immaginare come sarebbero stati l'ambiente, i colleghi.. ma un conto è immaginare e un conto è immergersi nella realtà. Una sola certezza avevo: avrei dato il meglio di me!
Sin dal primo giorno sono stata accolta benissimo dal personale ma soprattutto dalle Suore anziane con le quali avrei dovuto trascorrere un anno. Con loro, giorno dopo giorno, ho instaurarato un rapporto di amicizia, fiducia e soprattutto affetto. Ho cercato di entrare piano piano nelle loro vite e nei loro cuori. Sin dal primo momento mi sono mostrata umile, solare e con tanta voglia di dare amore. Non sono mai mancati momenti di svago, di lunghe chiacchierate, di gioco e soprattutto di grandi risate.. e credetemi riuscire a strappare una risata a chi purtroppo non vive una condizione fisica felice mi riempie il cuore di gioia immensa. Stringere la mano e sentire un ricambio, ricevere una carezza all'improvviso o un abbraccio sono piccoli gesti che ti riempiono il cuore, ti fanno stare bene. Sentirmi costantemente cercata da loro, sentirmi dire ti voglio bene, sentirmi apprezzata mi fa stare bene. Quando, ogni mattina varco la porta che mi conduce a loro, un sorriso inonda il mio volto e continuo a farlo per il resto delle ore..mi viene proprio naturale farlo. Sono più che sicura che una volta terminato il mio servizio civile andrò a trovarle. Ormai fanno parte di me, sono entrate nel mio cuore e da lì non usciranno msi più. Hanno lasciato un segno indelebile.
Non credevo che fare del bene agli altri mi facesse stare così bene, mi rendesse una persona migliore e soprattutto mi  facesse scoprire delle qualità che non sapevo di avere, come la sensibilità e l'empatia.
Grazie al servizio civile ho capito cosa realmente voglio fare della mia vita. Aiutare il prossimo, farlo stare bene e migliorare la sua vita. Il pensiero che qualcuno possa stare meglio grazie a me, mi fa stare bene e son certa che non mi stancherò mai di farne!              

  Progetto: Il sapore dell'età
  Maurizia Mazza

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Graduatorie Servizio Civile Nazionale Smaldoniano 2017-2018

 ESCAPE='HTML'

    La mia esperienza di Servizio Civile Smaldoniano..." Come una favola"

    Mi chiamo Celeste De Rinaldis e sono una volontaria del Servizio Civile, presso l'Istituto Filippo Smaldone di Lecce.

    La possibilità di svolgere questa esperienza nell'ambito educativo mi ha reso estremamente entusiasta.

    Sono quasi a fine percorso e posso dire che "Come una favola" non è solo il nome del progetto al quale ho preso parte, ma è un vero e proprio stile di vita: lo stile di vita dei bambini.

    Ho sempre trovato meraviglioso lavorare con loro ed osservare come vivono il mondo.

    Il mio compito è stato quello di affiancare la maestra e l'educatrice nelle attività didattiche quotidiane, mi sono impegnata a contribuire nella loro buona crescita e nel seminare l'amore per la conoscenza. Spero di esserci riuscita, ma senza dubbio sono loro che hanno insegnato tanto a me.

    Mi hanno ricordato come sia bello farsi prendere dalla fantasia e vedere dietro ad uno scarabocchio un mondo infinito, quindi ad andare oltre le apparenze.

    Mi hanno insegnato che tenere nascosti i sentimenti non porta da nessuna parte, nella vita bisogna parlare chiaro.

    Mi hanno fatto capire che il più delle volte bisogna mettere da parte l'orgoglio, perché la felicità vale di più.

    I bambini sono creature meravigliose e trasmettono sensazioni uniche ed hanno lo straordinario potere di farci dimenticare in un battito di ciglia i problemi quotidiani donandoci unmondo di gioia e spensieratezza.

    Concludo la mia testimonianza con una citazione di Maria Montessori:

    "Se v'è per l'umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l'uomo."

    Melania ci racconta la sua esperienza come volontaria Smaldoniana

    Ciao, sono Melania, ho 21 anni e amo i bambini. C'ho messo un po' di tempo nel prendere coraggio a scrivere una lettera per spiegare tutto quello che si prova svolgendo il Servizio Civile in un Istituto così. Sono una volontaria che opera presso l’Istituto Filippo Smaldone di Napoli e questo è il secondo anno che "VIVO". Ebbene sì dico vivo perché è come se fossi rinata per la seconda volta,  perché solo stando a contatto con tante realtà che capisci realmente la vita. Ho conosciuto questo Istituto quando avevo 10 anni perché ho mia madre che ci lavora. E sin da piccola mi è sempre piaciuto andare lì, insieme a mia madre perché quella scuola mi piaceva, aveva qualcosa di diverso . Dopo nove anni, e precisamente nel settembre 2015 , mia madre mi disse che potevo svolgere un esperienza di un anno proprio in quell'istituto che io sin da piccola ho sempre desiderato. Nella mia famiglia sono presenti casi di sordità e di disabilità e so cosa significa... ed è per questo che ho voluto approfondire e mettermi in gioco a servizio dei bambini sordi e con difficoltà , aderendo al progetto di Servizio Civile Nazionale redatto e promosso dall’Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” di San Cesario di Lecce, che ringrazio per avermi dato questa opportunità. Un anno e mezzo fa risultai idonea e selezionata per il progetto di Garanzia Giovani. Iniziai ad aprile… i primi giorni ebbi difficoltà ad approcciarmi con i sordi, dato che il linguaggio dei segni non lo conoscevo e non riuscire a comunicare, a capire e farsi capire mi faceva sentire inappropriata e "cattiva" soprattutto nel vedere gli sforzi dei sordi nel farmi capire  qualcosa mentre io me ne stavo lì a continuare a dire “Non ho capito”. Ricordo gli abbracci lunghi, i sorrisi che i bambini mi davano solo perché li aiutavo a svolgere un compito. Ho conservato ogni singola lettera, disegno, cioccolatino che mi hanno regalato. Ricordo quando mi imploravano di restare nella loro classe, facendomi capire di aver bisogno del mio aiuto. Questi bambini "TI FANNO SENTIRE UNA MAMMA!” Credo che questo sia stato un dono che quando arriva non devi fartelo scappare. Sono stata fortunata, elogiata, per aver avuto questa bellissima opportunità e esperienza, per aver fatto parte per ben due anni di questo magnifico progetto smaldoniano. Ho avuto a che fare con tanti bambini. Sono stata il "Jolly" della scuola. Sono riuscita ad integrarmi con tutti avendo la fortuna di essere affiancata dall'insegnante Silvana dai primi tempi nell'attività motoria. A chiunque mi chiede di questo progetto, di questa realtà, ne parlo come se fosse la mia famiglia, casa mia; quando qualcuno mi chiede pareri su questo lavoro a me piace parlarne con orgoglio e soddisfazione. Infatti come ho già detto prima  è come se avessi vissuto una favola per un anno  anche se poi purtroppo ha un finale triste, perché nonostante sei consapevole che è un esperienza di 12 mesi , ti affezioni, leghi con tutti e prima o poi  sai che dovrà finire. Amo tutto quello che qui ho vissuto, perchè mi ha aiutato a crescere; non a caso dopo l’esperienza avuta con Garanzia Giovani ho voluto fortemente ripresentare la domanda nello stesso ente per fare il servizio Civile. Adesso sono qui, l'ultimo anno, gli ultimi mesi e non sembra vero che dovrò lasciarli ancora. Sono state le mie gioie e le mie dannazioni, i miei rimproveri e i miei insegnamenti e darei ad ognuno di loro un pezzo di me per farmi ricordare perché io li ricorderò per sempre e portero’ ognuno di loro nel mio cuore. Auguro a tutti i giovani di  poter vivere  questa realtà che purtroppo a volte viene calpestata, giudicata, soffocata dalla cattiveria e dall'ignoranza che ci circonda. Auguro a tutti di aprire il cuore e di far entrare chiunque ne avesse bisogno. Ho imparato ad ascoltare, ad adeguarmi, ad arrangiarmi con quelle piccole cose che riuscivo ad inventare. Sono contenta e fiera di aver dato una mano e aiuto  nella realizzazione di eventi importanti come i saggi di fine anno e altre rappresentazioni. Qualcuno potrebbe pure dirmi  “ma non era un tuo compito” invece io rispondo  dicendo sì, perché quando entri a far parte di questa realtà, ti senti parte di una famiglia, e  fai di tutto con amore, dedizione senza stancarti né sentirne il peso.

    Sono veramente orgogliosa e felice di dire ...ANCHE IO SONO STATA UNA VOLONTARIA SMALDONIANA

     Melania

     

     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'

    Basta un cuore grande e la volontà di dare se stessi per gli altri...

    Ciao sono Giuseppe e sono un volontario del Servizio Civile Smaldoniano di Napoli.  Volevo raccontarvi la mia esperienza, un esperienza di vita più che altro. Grazie ai progetti redatti e promossi dall’Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” di San Cesario di Lecce, che da anni si impegna a dare quest’importante opportunità a tanti giovani per aiutare chi ha più bisogno, ho avuto la fortuna di mettermi in gioco. Ho iniziato due anni fa  con il primo progetto di Garanzia Giovani ed oggi sono di nuovo qui a ripercorrere questo straordinario percorso di Servizio Civile. Non è stato facile, ma solo chi ha un cuore grande e la volontà di dare se stesso per gli altri può avviarsi in questi progetti di Volontariato. Io sono stato affidato alla classe 3, in particolare ad un bambino per me speciale Antonio. Con lui ho condiviso, forse, i momenti più belli. Lui è un bambino autistico, un bambino speciale e grazie sopratutto a lui se sono diventato un uomo. Ora il mio percorso con lui è finito, perché ha terminato l'anno scolastico arrivando in quinta con tanti progressi fatti. Mancano pochi mesi alla fine di questo secondo percorso insieme. Ma l'istituto Filippo Smaldone di Napoli avrà un posto speciale nel mio cuore.

    Grazie

    GIUSEPPE BELLISARIO

    La mia esperienza di Servizio Civile Smaldoniano

    Mi chiamo Valentina Brancato e sono una volontaria del Servizio Civile, nell’istituto Filippo Smaldone di Napoli.

    Un anno fa tramite amici sordi, durante un pranzo organizzato con le suore Salesiane dei Sacri Cuori, ebbi modo di conoscere questa scuola. Fu allora che incontrai Sr. Annateresa Savino, la quale mi spiegò le modalità di domanda per il progetto di Servizio Civile  “La voce del viso” della Onlus “Filippo Smaldone”.

    Subito avviai le pratiche di documentazione, ma non riuscii ad entrare in graduatoria. Ero molto sfiduciata e scoraggiata, sentivo il bisogno che qualcosa dovesse cambiare, di un segno che le cose potessero migliorare, anche per me, di una vera motivazione, di una speranza. Tuttavia, circa otto mesi fa, ricevetti la splendida telefonata in cui mi comunicavano che potevo entrare a far parte del magnifico progetto suddetto essendo  in graduatoria. Sin dal primo giorno fui affidata a Sr. Piera Rossetti nella classe dell’infanzia.

    Ricordo benissimo il primo giorno, la paura di aprire quella porta e di non riuscire a farcela, ma soprattutto di non piacere ai bambini, invece….fu subito Amore!.

    Così ebbe inizio la mia avventura in istituto, una congiunzione unica che dura ancora oggi. Non ho parole per spiegare quell’accoglienza che mi fece svanire tutte le ansie e le paure. Ad oggi posso dire di aver imparato come affrontare moltissime situazioni, come poter essere forte e sensibile di fronte a varie circostanze. Vedere nei  gesti e negli occhi dei bambini fiducia ed amore che  tutt’ora mi donano un’energia particolare.

    Ho avuto modo di poter giocare con la Lis in tante situazioni, sia con bambini sordi che udenti, con i quali ho imparato cosa significhi veramente la condivisione e l’integrazione.

    Ogni volta che entro in classe è come se mi affacciassi da una terrazza sul mare, piena di aria fresca che mi rigenera; le ore volano via e sono capace di dimenticare tutto ciò che accade fuori. La varietà di attività ludiche e didattiche, creative e divertenti è stata innumerevole. Sarebbero davvero tante le cose da raccontare e descrivere, forse senza dilungarmi posso dirvi le conseguenze di tutto questo: quest’anno è stato esattamente il segno di speranza che mi aspettavo. Quest’esperienza finirà tra pochi mesi, ma se sarà possibile, continuerò ad impegnarmi come volontaria. Non credo di saper rinunciare alle voce di prima mattina dei bambini che mi salutano con gioia, alle loro mille curiosità, alle loro prime esperienze insieme, alle loro manine e i primi segni, ai pianti, ai baci magici sulle “bue”, ai loro abbracci incondizionati, ai loro occhi in grado di dirmi qualsiasi cosa, alla loro forza ed energia che mi hanno fatto rinnovare in modo profondo.

    Indescrivibile è la dolcezza e la professionalità delle terapiste, della loro fiducia verso di me, come quella ricevuta dalle insegnanti, le collaboratrici e soprattutto dai genitori che ad occhi chiusi hanno affidato i loro figli nelle mie mani. Un grazie profondo ai suddetti ed anche ai miei colleghi ormai amici quindi ad Anna Crispino, sempre pronta a sostenermi ed aiutarmi, verso la quale nutro una profonda stima. Ancora grazie alle suore Salesiane dei Sacri Cuori  dell’istituto, in particolar modo a Suor Annateresa sempre pronta a capire ogni intoppo, a farci rialzare e riprendere a correre; a Suor Aurelia Parlangeli, mitica nel suo modo di fare e di segnare in Lis. Mi ha dato suggerimenti, sicurezze e lucidità in molti momenti, anche solo con uno sguardo riusciva a darmi ciò di cui avevo bisogno; a suor Piera Rossetti, non c’è giorno in cui non mi dà modo di riempire la mia valigia di esperienze. E’ l’insegnante che tutti i bambini dovrebbero avere all’inizio del proprio viaggio. Decisa, brillante, preparatissima e piena di idee, provvidenziale incontrarla in questo momento del mio cammino.

    Questa del Servizio Civile Smaldoniano  è un’esperienza da non perdere, le sensazioni di pienezza, utilità, felicità, gratitudine e amore, le auguro a tutti i giovani che come me vivono un forte disagio nella continua ricerca del loro posto nella società di oggi.

     

    Valentina Brancato

    Una volontaria di Servizio Civile Smaldoniano racconta la sua esperienza...

    COLORIAMO LA VITA

    Mi chiamo Francesca Vincenti e ho iniziato la mia esperienza di Servizio Civile sette mesi fa presso l’Asilo Nido Filippo Smaldone di San Cesario di Lecce scegliendo il progetto: “Il nido delle emozioni” promosso dall' Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone”.  Credo che la vita ti dia delle opportunità alla quale non puoi rinunciare e il Servizio Civile è senz’altro una delle esperienze più belle della mia vita. Ricordo ancora il profumo del brodo fresco che sentì la prima volta nei corridoi dell’asilo, le canzoni di sottofondo, le risate dei bambini e ricordo l’emozione di entrare in asilo con la consapevolezza che a breve avrei finalmente realizzato il mio più grande sogno. Sono stata accolta fin da subito dalla nostra Superiora Sr. Nicla Chianura che mi ha fatto sentire in una grande famiglia e mi ha accolta a braccia aperte illustrandomi quali sarebbero state le mie mansioni. Quando entrai per la prima volta nella classe che mi era stata assegnata ossia la sezione semi divezzi, ricordo ancora il sorriso della mia educatrice che mi ha accolta fin da subito trasmettendomi sicurezza, fiducia, pazienza e soprattutto amore nel suo lavoro. Pian piano con il tempo ho avuto modo di collaborare con tutte le educatrici che sono state così importanti lungo questo cammino di crescita e amore, condividendo tutte insieme le emozioni quotidiane che ogni bambino trasmette. E poi ci sono loro, i bambini che come cita un importante scrittore (Dante Alighieri) “Tre cose sono rimaste del paradiso, le stelle, i fiori e i bambini”. Ebbene si, aveva proprio ragione Dante, ogni giorno è grazie a loro che ogni cosa prende vita, è grazie a loro che tutte le mattine mi fanno sentire viva con un loro abbraccio, un sorriso, una carezza. Ho avuto la possibilità grazie al Servizio Civile di poter vedere con i miei occhi il ciclo della vita, ho vissuto la crescita di ogni bambino e ho potuto imparare grazie alle educatrici, tutte le attività che quotidianamente vengono svolte all’interno dell’asilo, come attività ludico creative, di psicomotricità, laboratori emozionali, abbiamo impastato, dipinto, colorato, ballato abbiamo animato le più belle storie d’infanzia, insomma, non basterebbero tutte queste righe per descrivere tutto quello che viene svolto, ma posso documentare che le emozioni che vivo ogni giorno vanno al di là di qualsiasi cosa, sarà difficile concludere quest’esperienza che rimarrà indelebile nel mio cuore per sempre. Il Servizio Civile mi ha fatto conoscere le mie tre colleghe che sono diventate grandi amiche e confidenti. Ci divertiamo davvero tanto insieme, abbiamo condiviso tutto fin dal primo momento e vorrei ringraziarle per tutto quello che hanno fatto per me.

    La grande realtà di “Villa Smaldone” è stata fin da subito una grande famiglia composta da grandissime persone che vi lavorano all’interno con sacrificio e dedizione, mi sono affezionate proprio a tutti quanti, alle meravigliose cuoche, a tutti coloro che lavorano alla Onlus Volontariato Filippo Smaldone che sono persone straordinarie, mi hanno aiutato in qualsiasi cosa e un mio primo grazie lo dedico a tutti loro. Mi scuso in anticipo se dimentico qualcuno. Vorrei ringraziare tutte le suore Salesiane per l’affetto che mi hanno sempre dimostrato, per tutte le volte che mi sono fermata ad ascoltare le loro bellissime esperienze. Concludo dicendo a tutti i giovani come me che decidono di iniziare un nuovo cammino con il Servizio Civile, di non mollare e di non scoraggiarsi mai, perché io sono testimone che al di là di tutto ciò che conta veramente è la gratificazione che si riceve dopo tutto il lavoro svolto e bisogna mettere amore e passione e tutto nella vita sarà sempre più bello. Io metto ogni giorno il cuore in qualsiasi cosa faccio e anche se sono consapevole che il Servizio Civile purtroppo dura solo un anno, sono felice e contenta per questi mesi condivisi con persone meravigliose, ringrazio ancora la Superiora per l’opportunità che mi è stata data. Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare. Cit. Madre Teresa di Calcutta.

    Francesca Vincenti

     ESCAPE='HTML'

    Ecco lo spot del nuovo Bando di Servizio Civile Nazionale

    Bando di Servizio Civile Nazionale 2017

    Sono pubblicati i Bandi 2017 del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, delle Regioni e Province autonome, per la selezione di 47.529 volontari da impiegare in progetti di Servizio civile nazionale in Italia e all'estero.

    Si ricorda che è possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Nazionale, da scegliere tra quelli inseriti nel bando nazionale o nei bandi regionali e delle provincie autonome, pena l'esclusione dalla selezione.

    LA DOMANDA VA PRESENTATA ALL'ENTE CHE REALIZZA IL PROGETTO PRESCELTO.

    Data di scadenza per la presentazione delle domande: 26 giugno 2017 - ore 14.00

    Per ulteriori informazioni e per scaricare gli allegati per presentare la domanda consulta il sito:
    http://www.serviziocivile.gov.it/…/selezione-…/bandoord2017/

    Puoi scegliere il tuo progetto in una delle nostre sedi smaldoniane in Italia:

    PUGLIA - LECCE, VIA GIAMMATTEO, 26
    PROGETTO :AMORE IN CIRCOLO (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 5

    PUGLIA- LECCE , VIA GIAMMATTEO, 26
    PROGETTO : ASSIS-TI-AMO (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    PUGLIA - FOGGIA - VIA FILIPPO SMALDONE,2
    PROGETTO :CON GLI OCCHI DI UN BAMBINO (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 6

    PUGLIA - FOGGIA - VIA FILIPPO SMALDONE,2
    PROGETTO: SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    PUGLIA - BARI, VIA SAN GIACOMO,2
    PROGETTO: I COLORI DELL’ANIMA (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    PUGLIA - BARI, VIA SAN GIACOMO,2
    PROGETTO: SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    PUGLIA - BARI, VIA VELA,97
    PROGETTO: SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 2

    PUGLIA - MOLFETTA, VIA MASSIMO D'AZEGLIO,34
    PROGETTO: I COLORI DELL’ANIMA (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    PUGLIA - TRANI, PIAZZETTA SEDILE SAN MARCO, 9
    PROGETTO: EDUCARE ALL’AMORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    PUGLIA - BARLETTA, VIA CAVOUR,81
    PROGETTO:EDUCARE ALL’AMORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 5

    PUGLIA - BARLETTA , VIA CAVOUR,81
    PROGETTO: SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 2

    PUGLIA - CASTRI’ DI LECCE, VIA G.VERNAZZA,5
    PROGETTO: STRINGIMI LA MANO (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    PUGLIA - MELISSANO,VIA LEONARDO DA VINCI,21
    PROGETTO: STRINGIMI LA MANO (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    PUGLIA - TREPUZZI , VIA G.BRUNETTI,14
    PROGETTO: STRINGIMI LA MANO (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    PUGLIA - MANDURIA, VIA S. LUCIA,4
    PROGETTO: LA VOCE DEL CUORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 5

    PUGLIA - MANDURIA, VIA S.LUCIA,4
    PROGETTO: ASSIS-TI-AMO (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    PUGLIA - LECCE, P.TTA MARIOTTO CORSO,13
    PROGETTO: ASSIS-TI-AMO (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 2

    PUGLIA - SAN CESARIO , VIA LECCE, 36
    PROGETTO: ASSIS-TI-AMO (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    PUGLIA - SAN CESARIO, VIA LECCE, 36
    PROGETTO: IL NIDO DELLE EMOZIONI (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    PUGLIA - SAN CESARIO VIA DANTE,52
    PROGETTO: IL NIDO DELLE EMOZIONI (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    CAMPANIA - NAPOLI, VIA SALITA SCUDILLO ALLA SANITA', 10
    PROGETTO: EDUCAMORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 6

    CAMPANIA - SALERNO, VIA VITO LEMBO,1
    PROGETTO: GIOIA NEL CUORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 6

    CAMPANIA - SALERNO, VIA VITO LEMBO,1
    PROGETTO: SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    CAMPANIA - SALERNO, VIA PIO XI,118
    PROGETTO: LA VOCE DELLE EMOZIONI (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 6

    CAMPANIA - PREPEZZANO-GIFFONI SEI CASALI, VIA AUSA,1
    PROGETTO:LE STRADE DELL’AMORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 2

    LAZIO - ROMA VIA TOR DE SCHIAVI,,404
    PROGETTO: SIATE AMORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 5

    LAZIO - ROMA VIA TOR DE SCHIAVI,404
    PROGETTO : SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    LAZIO - ROMA VIA GUICCIARDINI,4
    PROGETTO: SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    LAZIO - FORMIA, VIA APPIA, 66
    PROGETTO: SIATE AMORE (MINORI)
    POSTI DISPONIBILI 3

    EMILIA ROMAGNA -TABIANO- SALSO MAGGIORE TERME, VIA MARIA LUIGIA,19
    PROGETTO: SEAT WITH ME (ANZIANI)
    POSTI DISPONIBILI 4

    Per i dettagli e scaricare le schede sintetiche dei vari progetti cliccare su : http://www.salesianiperilsociale.it/…/servizio-civile-in-i…/

    Bando Servizio Civile Nazionale 2017

     ESCAPE='HTML'

    E’ uscito il bando di Servizio Civile Nazionale. 

    Di seguito il link per ulteriori informazioni e per scaricare allegati:

    http://www.gioventuserviziocivilenazionale.gov.it/dgscn-news/2017/5/bando-ordinario-2017.aspx

    Si ricorda che è possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Nazionale, da scegliere tra quelli inseriti nel bando nazionale o nei bandi regionali e delle provincie autonome, pena l’esclusione dalla selezione.

    LA DOMANDA VA PRESENTATA ALL’ENTE CHE REALIZZA IL PROGETTO PRESCELTO; OCCORRE QUINDI CONSULTARE IL SITO WEB DI TALE ENTE.

    Data di scadenza per la presentazione delle domande: 26 giugno 2017 – ore 14.00

    Scegli il tuo progetto in una delle nostre sedi Smaldoniane in Italia.

     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'

    Itinerario Rosa - Ricami di Primavera -

     ESCAPE='HTML'

    Le volontarie del Progetto Ricami di Luce, la Responsabile della Onlus Filippo Smaldone di San Cesario di Lecce Suor Nicla Chianura , e tutta l'equipe del Volontariato, presentano alle telecamere di Telerama, il laboratorio e la mostra " Ricami di Primavera" presso la Chiesa San Giovanni di Dio in via Palmieri a Lecce, accanto all'ex Istituto Margherita.
    Il servizio andrà in onda su Telerama, a partire da Venerdì 28 Aprile alle 21.30, in replica per tutta la settimana.

    Veniteci a trovare , vi aspettiamo ogni giorno fino al 1 Maggio 2017 dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:00.

    Non mancate!

     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'

    Auguri di Buona Pasqua

     ESCAPE='HTML'

    Auguri a tutti, in particolar modo agli ammalati, a coloro che lottano ogni giorno per la vita, e a quelli che sono afflitti dai loro problemi, ansie e preoccupazioni, che i loro cuori possano riempirsi di fede e speranza. Ai poveri, agli affamati, che nel loro cammino possano trovare bontà, carità e perdono verso questa vita che sembra loro nemica. Che questa resurrezione porti pace ai popoli di tutto il mondo e al posto delle armi che stringano tra le mani dei fiori. Questo è il nostro augurio: pace e misericordia per tutti! Lasciate entrare la pace e l'amore nei vostri cuori, Gesù è morto per noi, la sua fede e il suo amore era ed è ancora infinito! Seguiamo questo amore e teniamolo dentro il cuore assieme alla fede e la speranza e mettiamolo in pratica, così che ci possa essere pace nel mondo! A voi tutti e alle vostre famiglie, i nostri sinceri e cari auguri di Buona Pasqua.

    Dona il tuo 5 per mille all'Organizzazione di Volontariato "Filippo Smaldone"

    La solidarietà in un piccolo gesto, una firma che non costa nulla.
    Sostieni le nostre attività, i nostri progetti donando il tuo 5 x Mille.
    Basta apporre la tua firma sulla tua dichiarazione (Certificazione Unica, 730, Unico) e il nostro codice fiscale: 93241950729.


    Per donazioni Banca Prossima
    IBAN: IT08 J033 5901 600  intestato a:”ODV Filippo Smaldone”

    Un piccolo gesto dal grande valore che a te non costa nulla, ma che per noi è un aiuto importante!

    Grazie!

    Le Uova della Solidarietà Smaldoniane

    Vieni  a ritirare il tuo “Uovo della Solidarietà”,  presso l’Asilo Nido “Filippo Smaldone” di San Cesario di Lecce. Acquistando le uova della Solidarietà puoi dare un contributo fondamentale per i nostri progetti Smaldoniani.

    Contiamo sul tuo aiuto!  Grazie!

    Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legislativo n. 40 del 6 marzo 2017 "Istituzione e disciplina del servizio civile universale, a norma dell'articolo 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106".

    E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legislativo n. 40 del 6 marzo 2017 “Istituzione e disciplina del Servizio Civile Universale, a norma dell’articolo 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106”.

    Qui il link    http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2017-0w4-03&wwwwwwatto.codiceRedazionale=17G00053

     

    Anche quest’anno, ritorna Itinerario Rosa. Con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Lecce, l’evento Itinerario Rosa, giunto alla diciannovesima edizione, mira a valorizzare il ruolo sociale e culturale della donna, utilizzando contesti di grande pregio della città.
    Numerosi i “percorsi al femminile” che caratterizzeranno, dunque, l’offerta culturale, sociale ed artistica dell’amministrazione comunale.
    Obiettivo della manifestazione sarà anche quello di coinvolgere le associazioni operanti sul territorio. Tante le associazioni coinvolte per riempire di contenuti il fitto calendario degli eventi dedicati alla donna e al suo ruolo nella società. Tra le tante associazioni anche la nostra; l’Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” che dal 22 Aprile al 1 Maggio 2017 presenterà: “ Ricami di Primavera”, il laboratorio e mostra di ricami realizzati con varie tecniche di utilizzo a cura del Gruppo di Volontarie Smaldoniane del progetto: “Ricami di Luce”

    Non mancate!

    Itinerario Rosa - Ricami di Primavera

    132° Anniversario di fondazione della Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori

    Era il 25 marzo 1885, esattamente 132 anni fa, quando Don Filippo Smaldone fondò a Lecce la Congregazione delle "Suore Salesiane dei Sacri Cuori" . Le Suore con il carisma specifico di far conoscere l'amore misericordioso di Dio agli emarginati del tempo, svolgendo come apostolato fondamentale l'evangelizzazione dei sordomuti attraverso la loro istruzione e formazione. La denominazione "Suore Salesiane dei Sacri Cuori" è stata scelta dal fondatore ad indicare il modello di spiritualità in San Francesco di Sales, caratterizzato da un'attenzione all'uomo, specie se in stato di bisogno, e dall'amore misericordioso e materno dei Cuori di Gesù e di Maria.
    Auguri a tutta la Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori e a tutti coloro che fanno parte di questa meravigliosa famiglia, per il 132° anniversario di fondazione!

    Progetto : Sport in cammino a favore delle anziane della Casa di Riposo di "Villa Smaldone" Lecce

    L’organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” in collaborazione con il Coni di Lecce, ha avviato il progetto : “Sport in cammino” a favore degli anziani della Casa di Riposo di “Villa Smaldone” di San Cesario di Lecce. Un percorso di prevenzione sanitaria a tutela della salute riferita principalmente a soggetti a rischio o persone affette da patologie che traggono benefici dall’attività motoria e psico-fisica. Il Progetto quindi si rivolge in particolar modo a soggetti con patologie croniche (come diabete, ipertensione, malattie cardio-respiratorie e ad alta incidenza invalidante) per i quali l’inattività e la sedentarietà potrebbero sfociare in malattie debilitanti, e per i quali un’adeguata attività motoria potrebbe quindi costituire un aiuto fisico, psicologico, riabilitativo.

    Una volontaria Smaldoniana di Napoli racconta la sua esperienza di Servizio Civile Smaldoniano

    Il progetto: “Il colore del silenzio” di Garanzia Giovani realizzato nell’Istituto Filippo Smaldone di Napoli è  giunto al termine e sembra assurdo pensare che sia già passato  così in fretta, eppure oggi mi ritrovo qui a scrivere di un’esperienza che ha dato un senso alle mie idee, un‘esperienza grazie alla quale ho scelto di percorrere una nuova strada, completamente nuova  per me!!

    Inizialmente sembrava tutto molto difficile, temevo di non essere all’altezza  un po’ per la mia giovane età, un po’ perché mi ritrovavo difronte ad un problema impossibile da risolvere, poiché reputavo il dialogo una fonte importante, ciò che crea una relazione. Senza un interlocutore non ci può essere un dialogo. Un uomo, da solo, non avrebbe potuto parlare… e cosi  in continuazione mi domandavo come era possibile?!Come facevano a vivere?!Come fa una mamma a non sentire la voce del suo piccolo ?

    Così un giorno scelsi di mettermi in gioco, di capire, di non sottovalutarmi troppo, in primis perché li c’era qualcuno che aveva veramente bisogno di me, cosi mi sono rimboccata le maniche e mi sono catapultata in questo nuovo mondo, dando veramente tutta me stessa, al punto di vedermi completamente cambiata.

    Dopo mesi mi sono reso conto come la sordità sia veramente un handicap invisibile poiché non si entra a conoscenza della loro sordità fino a quando non si entra in relazione con loro.  Noi siamo abituati ad accorgerci della condizione di un disabile spesso solo guardandolo, e poiché si viene presi in contropiede, subentra la paura di comportarsi in modo inadeguato. Paure che ho reputato infondate in quanto bastano pochi accorgimenti per avere una comunicazione soddisfacente ed efficace anche  con un sordo che ha un intelligenza unica, una grinta eccezionale capace di non mettere la tua non conoscenza in rilievo.

    Si rimane sbalorditi nel vedere come bambini di 3, 4, 5 anni siano in grado di accettare la loro condizione, allora ti chiedi come sia possibile e, l’unica risposta, è che sono esseri speciali. Ed allora cominci ad apprezzarne le piccole sfumature di cui prima nemmeno ti accorgevi e, forse, si diventa persone migliori.

    Cosi dopo mesi di pensieri ho scelto di  aiutare davvero queste persone e iniziare a studiare la loro cultura,il loro linguaggio e di poter essere un giorno una base fondamentale per qualcuno di loro. Mentre scrivo ho i brividi, tra un po firmerò per l’ultima volta quel foglio, tra un pò non trascorrerò piu le mie giornate con quelli che reputo i gioielli della vita, ma porterò con me nel mio cuore per sempre ogni loro sorriso, ogni loro caduta, ogni loro ripresa, ogni loro abbraccio, ogni loro marachella, insieme ci siamo divertiti tanto, tra disegni, giochi, filastrocche, storie, poesie, creatività. Collaborando con il personale docente  ho avuto anche modo di arricchire il mio bagaglio culturale  ed ho conosciuto persone veramente di cuore che mi sono state vicine ,che mi hanno aiutata quando non sapevo che fare, incoraggiandomi ad andare sempre avanti: una vera e propria grande famiglia! Lasciare tutto questo oggi mi rattrista molto, ma ho scoperto una nuova parte di me, quella che non pensavo di avere in quanto mi sono sempre reputata una persona fredda e priva di sentimenti, invece oggi ho capito che ho tanto da dare, che  sono più che sensibile ed ho anche  imparato che non si fa il proprio dovere perché qualcuno ci dica grazie, lo si fa per principio, per se stessi, per la propria dignità.

    Lia Russo

    La nostra esperienza come volontarie di Servizio Civile Nazionale Smaldoniano

    Siamo tre volontarie che hanno aderito al Progetto di Servizio Civile promosso dall’Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” presso la sede periferica delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori di Prepezzano- Giffoni sei Casali (SA).

    Ognuna di noi è arrivata ai colloqui con aspettative diverse, c’è chi si è preso una pausa dagli studi, chi voleva affrontare una nuova esperienza lavorativa e chi voleva continuare un percorso già iniziato.

    Arrivate alla fine del nostro anno di servizio civile possiamo solo trarne un bilancio positivo.  L’esperienza è andata oltre le nostre aspettative: abbiamo trascorso un anno della nostra vita a vedere i progressi maturati da bambini di scuola materna con diverse problematiche e difficoltà; ci siamo emozionate nel vederli affrontare ogni volta nuove sfide, ci siamo divertite ad animare le loro giornate sempre pronte con un’idea nuova e tanto amore. Oltre alle innumerevoli attività fatte con i bambini del nostro istituto, abbiamo avuto la possibilità di ricevere la Formazione Generale insieme a tutti gli altri volontari di Servizio Civile Smaldoniano a San Cesario di Lecce presso la sede Legale della Onlus “Filippo Smaldone” che ci ha arricchito di conoscenze e competenze utili per affrontare il nostro compito e il nostro cammino; inoltre il rapportarsi con altri volontari di tutta Italia che stavano vivendo la nostra stessa esperienza ci ha divertito e offerto maggiore consapevolezza su quanto è stato utile ed importante entrare a far parte di questo progetto di Servizio Civile così grande.

    È stata un’esperienza appagante soprattutto perché abbiamo donato un anno della nostra vita, tutta la nostra pazienza tutte le nostre energie in cambio dell’infinito amore incondizionato dei nostri piccoli bambini, proprio come insegnava  San Francesco d’Assisi, perché….“è dando che si riceve”.

     Speranza, Federica e Marinella

    Il Consiglio dei Ministri approva il decreto legislativo: FINALMENTE APPROVATO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE!

    Approvato il decreto attuativo del Servizio civile universale. Il Consiglio dei ministri rende operativo il primo pezzo della riforma del Terzo settore, quell’articolo 8 della legge 106 del 2016 che ridisegna il servizio al Paese dei giovani, anche stranieri. L’idea, lanciata dall’ex premier Renzi, è di potenziare l’attuale servizio civile nazionale, rendendolo 'universale'. Ovvero dare la possibilità di farlo svolgere a tutti i giovani che lo vogliano: gli stanziamenti in questi anni l’hanno permesso solo alla metà di chi faceva domanda.

    Le potenzialità della nuova norma necessitano però un raddoppio degli stanziamenti, passaggio essenziale che la nuova legge non garantisce. Quest’anno i 257 milioni disponibili garantiranno l’avvio di 47mila giovani (ma Renzi ne aveva annunciati 100mila), il prossimo anno è tutto da vedere. Il Consiglio dei ministri dunque ha apposto l’'ultimo timbro'.

    L’obiettivo del governo è «rafforzare il servizio civile quale strumento di difesa non armata della Patria ai sensi degli artt. 11 e 52 della Costituzione, di educazione alla pace tra i popoli e di promozione dei valori fondativi della Repubblica». Soddisfazione dal ministro del Lavoro e del welfare, Giuliano Poletti: «Abbiamo mantenuto un impegno con i giovani. È un passo avanti importante, un’esperienza volontaria di valore formativo e civile, che dà competenze utili a migliorare l’occupabilità».

    Luigi Bobba, il sottosegretario al Lavoro che ha seguito passo per passo la riforma, sottolinea l’introduzione «di un meccanismo di programmazione triennale», fortemente voluto dagli enti, assieme allo «status giuridico che comporta un contratto tra volontario e Stato». Per Francesca Bonomo, responsabile Pd per le politiche giovanili, «è un traguardo che consentirà all’Italia di compiere la grande opera, avviata da Renzi e portata avanti da Gentiloni, per rimettere al centro i giovani nella loro esperienza formativa».

    Plaude la Conferenza nazionale enti (Cnesc): «Una nuova fase nell’accoglienza dei giovani. È una responsabilità educativa che fa il paio con quella sociale di essere presenti laddove serve una difesa civile e non armata per la coesione, la giustizia e la solidarietà». Per il Forum nazionale servizio civile (Fnsc), «si scrive una delle più importanti pagine di storia del volontariato giovanile».

    Ed ecco come funziona il servizio civile universale

    Aperto a tutte le ragazze e tutti i ragazzi tra i 18 e i 28 anni, italiani o stranieri regolarmente soggiornanti, il Servizio civile universale viene incontro alle esigenze dei giovani. Per conciliare questa esperienza con lo studio, la formazione o le prime esperienze lavorative, l’orario settimanale viene infatti ridotto a 25 ore. Anche la durata complessiva può variare tra gli 8 e i 12 mesi. Per i volontari è confermato il compenso mensile di 433 euro.

    La domanda deve essere rivolta direttamente agli enti convenzionati, che poi selezionano i giovani da avviare al servizio. Viene introdotta la programmazione triennale, che permette agli enti di calibrare le risorse e gli investimenti per la formazione del personale addetto e degli stessi volontari. La riforma prevede anche la possibilità di svolgere un periodo di servizio all’estero.

    Le finalità del servizio civile saranno perseguite con programmi di intervento anche in specifiche aree territoriali, quali le città metropolitane, e ampliate a più settori di intervento rispetto ad oggi: assistenza, protezione civile, patrimonio ambientale e riqualificazione urbana, patrimonio storico, artistico e culturale, educazione e promozione culturale e dello sport, agricoltura in zona di montagna e sociale, biodiversità, promozione della pace tra i popoli, nonviolenza e difesa non armata, promozione dei diritti umani, cooperazione allo sviluppo, promozione all’estero della cultura e delle comunità italiane.

    Auguri per un Santo e Sereno Natale e Felice Anno Nuovo!

     ESCAPE='HTML'

    Corso di qualifica professionale in Tecnico dell'Assistenza all'Infanzia riconosciuto dalla Regione Puglia.

    Se ami i bambini e desideri lavorare a stretto contatto con loro in strutture private, ludoteche e/o asili l'Ente di Formazione "Filippo Smaldone" Onlus ti da l'opportunità di acquisire la qualifica professionale in TECNICO DELL’ASSISTENZA ALL’INFANZIA, riconosciuta dalla Regione Puglia.

    Il numero di posti è limitato, ma ci sono ancora posti disponibili!
    Approfittane!

    Il Corso è approvato dalla provincia di Lecce con D.D. n.377 dell’11/03/2016
    DESTINATARI: soggetti che abbiano compiuto il 18°anno di età ed in possesso del diploma (scuola secondaria di II grado)- 20 Posti disponibili

    OBIETTIVI E DURATA: Il corso di qualifica professionale in Tecnico dell’assistenza all’infanzia,approvato dalla provincia di Lecce con atto di Determinazione n°377 del 11/03/2016 mira a formare una figura appartenente all’ambito sociosanitario,specializzata nell’assistenza all’infanzia in grado di elaborare e realizzare un progetto educativo e possedere le competenze necessarie per rispondere ai bisogni primari del bambino da 3 a 36 mesi.

    STRUTTURA: Durata 800 ore (periodo formativo previsto: 12 mesi) così strutturate: -Teoria 360 ore impartite da docenti esperti e operatrici del settore. -Pratica 240 ore mediante simulazioni,role playing e laboratori. -Stage 200 ore presso strutture socio-educative della Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori.

    MODALITA’ DI ISCRIZIONE: Il costo del corso è pari a 1.020,00 euro (20,00 euro comprensivo della quota assicurativa e associativa), di cui 220 euro da versarsi al momento del perfezionamento dell’iscrizione e le successive in quattro rate da di 200,00 euro.
    Sono previste agevolazioni in caso di iscrizione di gruppi formati da almeno 3 persone.

    SCADENZA ISCRIZIONE 30 DICEMBRE 2016

    CERTIFICAZIONE FINALE Attestato di qualifica in “Tecnico dell’assistenza all’infanzia” valevole su tutto il territorio regionale. Il titolo è indispensabile per avviare il nido famiglia ovvero per essere abilitati all’esercizio della professione presso strutture già esistenti.

    Per info e iscrizioni: Organizzazione di Volontariato "Filippo Smaldone" Via Lecce 36 San Cesario di Lecce dalle ore 8.30 alle ore 13.30
    Email: [email protected] Tel.0832-390125 Cell.389-1126396

    Programmazione 2017 nuovi pacchetti Corsi di Formazione Professionale gratuiti e retribuiti per disoccupati presso la Onlus "Filippo Smaldone"

     ESCAPE='HTML'

    Scegli il colore del tuo futuro!

    L’Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” Onlus partecipa come organismo autorizzato all’erogazione di corsi di formazione gratuiti e retribuiti per disoccupati presso la sede legale  di San Cesario di Lecce (LE) in via Lecce, 36.  In favore dei cittadini che parteciperanno ai corsi di formazione e che avranno svolto il 70% delle ore di frequenza saranno riconosciuti dei voucher formativi retribuiti, fino ad un massimo di 400 ore.
    L’indennità di frequenza pari ad € 5,00/ora lordi sarà commisurata all’effettiva partecipazione alle attività formative, non spetta pertanto in caso di malattia, infortunio e assenza.

    CHI PUO’ PARTECIPARE?

    I destinatari dei percorsi formativi finanziati a valere sul presente avviso, sono cittadini residenti in Puglia in possesso dei sottoelencati requisiti:
    1. disoccupati percettori di ammortizzatori sociali;
    2. disoccupati privi di sostegno economico con reddito Isee superiore a 3000 euro;
    3. disoccupati inseriti in accordi di ricollocazione a seguito di accordi di programma o tavoli di crisi nazionali o locali;
    4. lavoratori in cassa integrazione per cessata attività;
    5. beneficiari della misura “Lavoro minimo di cittadinanza” finanziati con le risorse già trasferite agli Ambiti sociali di zona;
    Nella foto allegata l’elenco dei pacchetti momentaneamente attivati.
    I corsi sono fruibili singolarmente o combinati per una formazione più ampia e completa, fino al massimo di ore di formazione usufruibili per singolo destinatario pari a 400.

    Non ci sono limiti di età.

    Verifica i tuoi requisiti per partecipare, è importante l ‘avvenuta iscrizione nel catalogo (Welfare to work) che avviene presso l ‘ufficio per l’impiego. Fatto questo recati presso il nostro ente “Filippo Smaldone Onlus” e scegli il corso che fa per te!

    Info:
    Onlus Filippo Smaldone
    Via Lecce 36 San Cesario di Lecce
    0832/390125
    389 112 6396
    [email protected]
    http://www.volontsmaldone.altervista.org

    Testimonianza di una Volontaria Smaldoniana sulla sua esperienza di Servizio Civile Nazionale

    Ho iniziato il Servizio Civile il 3 Novembre 2015 presso il Santuario di San Filippo Smaldone a Lecce nel progetto rivolto agli anziani denominato:” L’amore conta”.
    Qui ho conosciuto le Suore Salesiane, persone splendide ricche di esperienza e tanto amore,un vero tesoro per me che sono sempre alla ricerca del sapere.
    Non mi aspettavo davvero tutto questo dal Servizio Civile. Credo che abbia dato involontariamente origine, dentro di me, ad un percorso verso la ricerca di me stessa e verso la risoluzione dei mille conflitti che mi porto dietro da anni. Paradossalmente, il dedicarmi agli altri mi rende felice e appagata…
    È una bellissima esperienza. Ho legato con i miei compagni di servizio,ho conosciuto tante persone nuove, persone buone e genuine,mi diverto tantissimo e ho la possibilità di confrontarmi con realtà difficili e a tratti disperate.
    In definitiva, credo che questi mesi si siano rivelati inaspettatamente fondamentali per il mio percorso di crescita all’interno del Servizio Civile. Adesso sono curiosa di vedere come procederà, sicura che qualunque cosa accadrà sarà un’esperienza unica e irripetibile,tutta da vivere.

    Donatella Vincenti

    Corsi gratuiti e retribuiti per disoccupati riconosciuti dalla Regione Puglia da realizzarsi presso l'ente di formazione professionale "Filippo Smaldone" Onlus

    Scegli il colore del tuo futuro!

    L'Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” Onlus partecipa come organismo autorizzato all’erogazione di corsi di formazione gratuiti e retribuiti per disoccupati presso la sede legale  di San Cesario di Lecce (LE) in via Lecce, 36.  In favore dei cittadini che parteciperanno ai corsi di formazione e che avranno svolto il 70% delle ore di frequenza saranno riconosciuti dei voucher formativi retribuiti, fino ad un massimo di 400 ore.
    L'indennità di frequenza pari ad € 5,00/ora lordi sarà commisurata all'effettiva partecipazione alle attività formative, non spetta pertanto in caso di malattia, infortunio e assenza.

    CHI PUO' PARTECIPARE?

    I destinatari dei percorsi formativi finanziati a valere sul presente avviso, sono cittadini residenti in Puglia in possesso dei sottoelencati requisiti:
    1. disoccupati percettori di ammortizzatori sociali;
    2. disoccupati privi di sostegno economico con reddito Isee superiore a 3000 euro;
    3. disoccupati inseriti in accordi di ricollocazione a seguito di accordi di programma o tavoli di crisi nazionali o locali;
    4. lavoratori in cassa integrazione per cessata attività;
    5. beneficiari della misura “Lavoro minimo di cittadinanza” finanziati con le risorse già trasferite agli Ambiti sociali di zona;
    Nella foto allegata l'elenco dei pacchetti momentaneamente attivati.
    I corsi sono fruibili singolarmente o combinati per una formazione più ampia e completa, fino al massimo di ore di formazione usufruibili per singolo destinatario pari a 400.

    Non ci sono limiti di età.

    Verifica i tuoi requisiti per partecipare, è importante l ‘avvenuta iscrizione nel catalogo (Welfare to work) che avviene presso l ‘ufficio per l’impiego. Fatto questo recati presso il nostro ente “Filippo Smaldone Onlus” e scegli il corso che fa per te!

    Info:
    Onlus Filippo Smaldone
    Via Lecce 36 San Cesario di Lecce
    0832/390125
    389 112 6396
    [email protected]
    http://www.volontsmaldone.altervista.org

    Di seguito i corsi momentaneamente attivati con relative date inizio

     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'

    Corso di Tecnico Assistente all'infanzia riconosciuto dalla Regione Puglia presso O.D.V."Filippo Smaldone"

    Ami i bambini e desideri lavorare a stretto contatto con loro?
    L’Ente di Formazione “Filippo Smaldone” Onlus organizza il Corso di qualifica professionale in TECNICO DELL’ASSISTENZA ALL’INFANZIA, riconosciuto dalla Regione Puglia con numero posti limitato.
    Il Corso è approvato dalla provincia di Lecce con D.D. n.377 dell’11/03/2016

    DESTINATARI: soggetti che abbiano compiuto il 18°anno di età ed in possesso del diploma (scuola secondaria di II grado)- 20 Posti disponibili

    OBIETTIVI E DURATA: Il corso di qualifica professionale in Tecnico dell’assistenza all’infanzia,approvato dalla provincia di Lecce con atto di Determinazione n°377 del 11/03/2016 mira a formare una figura appartenente all’ambito sociosanitario,specializzata nell’assistenza all’infanzia in grado di elaborare e realizzare un progetto educativo e possedere le competenze necessarie per rispondere ai bisogni primari del bambino da 3 a 36 mesi.
    STRUTTURA: Durata 800 ore (periodo formativo previsto: 12 mesi) così strutturate: -Teoria 360 ore impartite da docenti esperti e operatrici del settore. -Pratica 240 ore mediante simulazioni,role playing e laboratori. -Stage 200 ore presso strutture socio-educative della Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori.

    MODALITA’ DI ISCRIZIONE: Il costo del corso è pari a 1.020,00 euro (20,00 euro comprensivo della quota assicurativa e associativa), di cui 220 euro da versarsi al momento del perfezionamento dell’iscrizione e le successive in quattro rate da di 200,00 euro.
    Sono previste agevolazioni in caso di iscrizione di gruppi formati da almeno 3 persone.

    SCADENZA ISCRIZIONE 30 DICEMBRE 2016

    CERTIFICAZIONE FINALE Attestato di qualifica in “Tecnico dell’assistenza all’infanzia” valevole su tutto il territorio regionale. Il titolo è indispensabile per avviare il nido famiglia ovvero per essere abilitati all’esercizio della professione presso strutture già esistenti.

    Per info e iscrizioni: Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” Via Lecce 36 San Cesario di Lecce dalle ore 8.30 alle ore 13.30
    Email: [email protected] Tel.0832-390125 Cell.389-1126396

    Corsi gratuiti e retribuiti per disoccupati organizzati dall' Ente di formazione Professionale "Filippo Smaldone" Onlus

    L' Ente di Formazione ODV Filippo Smaldone organizza corsi di formazione gratuiti e retribuiti per disoccupati. Per il 23/11/ 2016 avvio di due pacchetti formativi:


    PACCHETTO 1) corso per avvio professione di assistente familiare + corso Inglese di base (A1) + corso di inglese intermedio(A2); totale ore corso 220; Indennità percepita 1.100,00 euro.


    PACCHETTO 2) solo per diplomati e laureati: corso per marketing e promozione turistica + corso Inglese di base (A1) + corso di inglese intermedio(A2): Totale ore corso 400; Indennità percepita 2.000,00 euro;


    CORRI AL CENTRO PER L’IMPIEGO O DIFFONDI LA NOTIZIA TRA I TUOI CONTATTI!


    Info:
    Onlus Filippo Smaldone
    Via Lecce 36 San Cesario di Lecce
    0832/390125
    [email protected]
    http://www.volontsmaldone.altervista.org

    Testimonianza delle Volontarie di Servizio Civile che hanno operato presso la Casa di Riposo della Villa Smaldone di San Cesario di Lecce

    L’Amore Conta! E’ il nome del progetto di Servizio Civile promosso dall’Organizzazione di Volontariato “Filippo Smaldone” che abbiamo scelto e portato avanti per un anno…Proprio come dice una canzone “L’Amore conta, conosci un altro modo per fregar la morte?”

     Donare un sorriso, affetto, amore,  alle ospiti e alle suore anziane dell’Istituto Smaldone  è stato l’obiettivo che ci siamo posti in quest’anno di servizio civile.

    Quando si parla di persone anziane spesso noi giovani tendiamo a storcere il naso, ci vengono in mente le rughe, i capelli bianchi, il corpo esile, ma non ci rendiamo conto di tutto l’amore che una persona anziana è in grado di dare ed ha bisogno di ricevere.

    Purtroppo viviamo in una società che, sempre più di frequente, educa i suoi figli all’abbandono di chi è più debole, di chi è anziano. Ma gli anziani sono ciò che saremo.

    Per come noi vorremmo definirli, vecchi, anziani, sono persone con esperienze di vita uniche e irripetibili, con abitudini ed interessi propri, spesso con una carica vitale invidiabile.

    Qualcuno di loro si offende sentendosi chiamare anziano, ma molti amano definirsi vecchi. Vecchiaia è uguale a saggezza, dicevano gli antichi, saggezza che viene dall’aver vissuto tante esperienze, aver provato, sperimentato, sbagliato, riprovato e sbagliato di nuovo, ma sempre con la voglia di ricominciare e di combattere.

    In questi 365 giorni…8760 ore...525600 minuti tra le mura della casa di riposo “F.Smaldone” di San Cesario di Lecce come volontari del servizio civile, abbiamo provato a vivere, giorno dopo giorno, le testimonianze delle nostre ospiti, che ci hanno pian piano riempito il cuore.

    Quest’esperienza è stata molto forte emotivamente, non sono mancate le difficoltà che ogni giorno abbiamo dovuto affrontare anche con i caratteri forti che a volte una persona anziana può avere. Però, ogni persona è unica nel suo genere! È proprio questo che impari stando a contatto con persone con caratteri, esperienze e vissuti diversi, ma non per questo ci siamo lasciate scoraggiare, perdendo la voglia di andare avanti.

    Ogni giorno abbiamo cercato di realizzare diverse attività che potessero suscitare in loro curiosità ed interesse, perché come i “bambini” hanno bisogno di stimoli nuovi per sentirsi ancora vive e utili. E mentre loro riscoprivano il mondo con occhi diversi, noi confrontavamo il presente con il passato. E stato una sorta di “scambio culturale”.

    In quest’anno ci siamo divertite tanto, abbiamo cantato, ballato, giocato, ma soprattutto riso insieme a loro.

    Tutto questo è stato possibile anche grazie a persone speciali che abbiamo conosciuto all’interno della struttura che lavorano quotidianamente, affinché tutto funzioni al meglio. La comunità di Suore, l’intero personale ci ha accolto come una famiglia e ci ha reso tutto un po' più leggero, rendendo il nostro impegno lavorativo un vero e proprio piacere.

    Giorno dopo giorno ci hanno supportato e incoraggiato a non arrenderci mai, nonostante le difficoltà che si possono incontrare entrando a contatto con persone anziane e con patologie importanti; come angeli custodi ci hanno preso per mano e ci hanno aiutato a capire che è necessario affrontare la vita di tutti i giorni sempre con il sorriso.

    Vivere quest’esperienza non si è dimostrata utile solo nelle mura di una casa di riposo, ma anche nella realtà quotidiana, dove poter mettere la professionalità che tutto il personale (operatrici, infermiere, suore) ci ha insegnato e che noi ci porteremo dietro come bagaglio personale e professionale, perché dopo un’avventura come questa, che ci ha arricchito lo spirito, non si può tornare a vivere con occhi di indifferenza.

    Inoltre, lavorare a contatto con le suore non è come ci aspettavamo. Spesso, soprattutto noi giovani, siamo legati all’idea della suora rigida e autoritaria, ma non è così.

    Come ha detto papa Francesco, infatti, le suore ora ricoprono la figura di mamma dolce e amorevole e a volte, con nostra grande meraviglia, ci siamo accorte che sono disposte a mettersi in discussione e rivalutare ed accogliere nuovi punti di vista; ci hanno fatto riconsiderare la nostra religiosità che pensavamo fosse andata persa con gli anni.

    Come diceva in una delle sue poesie Francesco Guccini parlando al bambino:   

         “...I vecchi subiscono le ingiurie degli anni, non sanno distinguere il vero dai sogni.  I vecchi non sanno, nel loro pensiero, distinguer nei sogni il falso dal vero…”

    Anche noi, ascoltando i racconti delle “nostre nonnine”, ci siamo immedesimate nei loro vissuti, siano essi reali, ma soprattutto (data l’età e le patologie) irreali, facendole sentire la nostra enciclopedia umana sia a livello culturale ma soprattutto come guida di vita.

    Come delle nipoti, abbiamo sempre ascoltato i loro racconti come se fossero delle fiabe innocenti, sognando ad occhi aperti insieme a loro, custodendo i loro ricordi come se fossero un tesoro prezioso.

    Ci hanno fatto capire che l’amore e la forza sono delle armi potentissime per affrontare la vita di ogni giorno. Durante il nostro meraviglioso percorso abbiamo notato il cambiamento che è maturato in noi, cambiando le nostre vite in meglio, grazie al sorriso che ogni giorno ci attendeva, o grazie a quell’abbraccio o carezza così consolatoria che ci facevano sentire a casa.

    Che bella la parola “casa”!!! Questo luogo è stato il nostro punto fermo, il nostro rifugio per un anno intero. Ricordiamo ancora il primo giorno quando tutto intorno a noi era maestoso e le persone sconosciute; ed ora invece siamo qui che concludiamo il nostro magnifico anno di servizio civile con la speranza di lasciare in ognuno di loro un caloroso ricordo, perché noi non le dimenticheremo mai.

    Non ci resta che ringraziare per l’opportunità che ci è stata data: nella vita non c’è cosa più bella che mettersi in gioco e sentirsi utili per qualcuno, regalando con un sorriso gioia e amore, che durino un solo istante o che provochino serenità più a lungo.

    Grazie di cuore: Pasqua Aprile, Marisa Petrachi, Andrea Conte.

     

    Graduatorie Servizio Civile Nazionale 2016-2017

    Pubblicate le graduatorie per il bando di Servizio Civile Nazionale Smaldoniano 2016-2017

    PROROGA SCADENZA AL 30 DICEMBRE 2016

      Visto il numero crescente di richieste di informazioni sul corso e al fine di permettere l'inoltro della documentazione e la partecipazione di tutte coloro le quali sono interessate la scadenza è posticipata al 30 Dicembre 2016.

      Il Corso di qualifica professionale in tecnico dell'assistente all'infanzia, è un corso approvato dalla Provincia di Lecce con D.D. n° 377 dell'11/03/2016. Viene erogato dall'Ente di Formazione "Filippo Smaldone" con sede a San Cesario di Lecce, in via Lecce n°36.


      MODALITA' DI ISCRIZIONE: Esclusivamente a mano a partire dal 5 Settembre 2016 C/O la sede di San Cesario di Lecce, in via Lecce,36 dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8:30 alle ore 13.30.